il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Vigili Urbani aggrediti a Salerno, la solidarietà di Protesta Popolare Salernitana

Da Tiziano Sica
SALERNO – “Solidarietà ai Vigili Urbani aggrediti ma è necessario richiedere l’immediato intervento dell’esercito”. È quanto dichiara Tiziano Sica, fondatore insieme ai giovani salernitani Marco Gregorio e Bruno Sica del gruppo Facebook Protesta Popolare Salernitana, in seguito a quanto accaduto nella serata di ieri sul Lungomare di Salerno dove i Vigili Urbani sono stati circondati e aggrediti da alcuni venditori abusivi.
“La situazione in città è diventata insostenibile, dichiara ancora Tiziano Sica. Passeggiare sul Lungomare sembra essere diventato ormai pericoloso, soprattutto di sera, a causa di venditori abusivi, spaccio di droga e aggressioni sempre più frequenti non solo tra gli spacciatori che vogliono contendersi la piazza ma tra gli stessi abusivi che spesso si rivolgono in maniera poco cortese anche nei confronti di chi non acquista. È necessario il presidio permanente di più pattuglie di Polizia Municipale ma, allo stato attuale delle cose, è necessario l’intervento dell’esercito in strada che controlli la situazione e ripulisca la città di Salerno da tutto l’abusivismo che ci sta ormai danneggiando, non solo in termini economici. L’aggressione di ieri sera dimostra ancora una volta come i cittadini salernitani siano ormai ospiti nella loro stessa città. È inammissibile che le forze dell’ordine, per far rispettare la legge, siano poi costrette a ricorrere alle cure dei sanitari mettendo a repentaglio la loro stessa sicurezza. Quanto accaduto ieri non deve assolutamente ripetersi nuovamente. Più sicurezza e meno abusivismo: di questo hanno bisogno i salernitani”, conclude Sica, annunciando l’intenzione di Protesta Popolare Salernitana di chiedere personalmente all’amministrazione comunale di far intervenire l’esercito italiano per Salerno ha bisogno di tornare ad essere sicura.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.