il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

CACCIA, CHIUSA STAGIONE VENATORIA CHE HA COLPITO SPECIE IN SOFFERENZA. OCCORRE UNA SVOLTA NAZIONALE Lipu: “Lavoreremo da subito per la revisione profonda dei calendari e perché le competenze sulla tutela delle specie passino a chi si occupa di ambiente”. Continua la raccolta di firme dell’associazione per l’istituzione del Daspo contro la caccia illegale

 

da ufficio stampa LIPU

 

ROMA – “Almeno sette specie di uccelli in cattivo stato di conservazione, e in alcuni casi a rischio globale, sono state oggetto di una lunga stagione di abbattimenti, con pochissime accortezze assunte dalle regioni. Un fatto che tradisce la deriva filovenatoria, non più accettabile, di chi amministra la materia in Italia”.

Lo dichiara la Lipu-BirdLife Italia nel giorno di chiusura della stagione venatoria 2018/19, che è partita con le preaperture di settembre e avrà una coda di 10 giorni in alcune regioni italiane.

 

“I calendari venatori non hanno fatto sconti a specie come la coturnice, la tortora selvatica, la pavoncella, il tordo sassello e il moriglione, che la lista rossa dell’Iucn classifica come minacciate globalmente. Nemmeno l’allodola e la pernice bianca hanno avuto sorte migliore: due specie che soffrono di una profonda crisi dei rispettivi habitat (agricoli e di montagna) ma sulle quali insiste tuttora una pressione venatoria insostenibile, che ne aggrava la condizione di sofferenza.

 

“Nonostante la dettagliata documentazione trasmessa dalla Lipu alle regioni e le solide richieste di tutela, nessuna o pochissime accortezze sono state assunte dagli assessorati regionali alla caccia e all’agricoltura, ai quali è oggi assegnata la competenza. Quest’ultimo è uno dei più seri problemi strumentali che oggi vive l’avifauna cacciabile in Italia: la tutela della specie è affidata agli uffici “venatori” e così messa in subordine rispetto all’interesse dei cacciatori.

 

“E’ tempo che l’architettura gestionale della materia venatoria sia ricondotta nell’ambito costituzionalmente e tecnicamente opportuno. A livello regionale la competenza deve passare agli Assessorati all’Ambiente, ma il ragionamento va esteso anche a livello nazionale, così che si ristabilisca in generale l’ordine corretto della questione: prima la tutela della natura, poi, e solo a certe condizioni e in certa misura, il suo sfruttamento.

 

“Lavoreremo concretamente per questo obiettivo di fondo, così come ci attiveremo da subito perché i prossimi calendari venatori prendano finalmente sul serio la legge nazionale e le direttive internazionali e siano rivisti seriamente, garantendo la giusta protezione”.

 

Prosegue intanto la raccolta di firme della Lipu a sostegno della proposta di legge per la responsabilità oggettiva nel caso di atti di caccia illegale, con il divieto di caccia per tutto il territorio interessato. Le firme saranno consegnate al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e al Parlamento assieme alla proposta di legge elaborata da tecnici e giuristi dell’associazione.

 

Roma, 31 gennaio 2019

 

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.