il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

POLITICA: Le dimissioni di Zingaretti

 

Gabriele Cavallaro

(Consulente finanziario Credem)

 

Gabriele Cavallaro (consulente finanziario Credem)

Le dimissioni di Zingaretti da segretario del PD giungono alla fine di un confronto interno che appare più incentrato sulla ricerca di alleanze che  sull’idea di coprire un vuoto politico lasciato per troppo tempo  dall’assenza di una sinistra riformista capace di elaborare e sostenere un nuovo progetto per l’Italia.

Oltre alle divisioni circa le alleanze tra chi vede nei 5 stelle gli interlocutori principali e chi invece cerca alleanze al centro, emergono questioni che riguardano anche il ruolo che il partito deve assumere sul piano nazionale.

Il governatore dell’Emilia Romagna Bonaccini così come Gori e il governatore della Toscana Giani per  difendersi dalla concorrenza della lega spesso assumono posizioni analoghe.Al sud il vuoto del partito è coperto dai governatori della Campania e della Puglia che sono riusciti a vincere da soli e agiscono di conseguenza.

On. Nicola Zingaretti, segretario nazionale dimissionario del PD - Si fascia il capo dopo le dimissioni ?

Manca una precisa linea di politica economica  e sociale che andrebbe elaborata sostenendo temi come la riduzione dei divari sociali e territoriali ,la transizione energetica e quella digitale che presuppone una riqualificazione del capitale umano con particolare attenzione ai giovani e alle donne.

Se le dimissioni di Zingaretti apriranno un confronto  vero di contenuti che possa riavvicinare il partito alla società del  bisogno e del merito avrà un senso.

Al contrario tutto si risolverà nelle solite litanie per un partito che appare senza identità e sopravvive a se stesso in assenza di altre alternative credibili.

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.