il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Elezioni 2021: per il PSI la parola a Massimo Ronca

 

Maddalena Mascolo

SALERNO – Il tempo stringe e i candidati sono tanti: a pochi, però, spetta l’onore e l’onere della ribalta. Uno di questi è sicuramente Massimo Ronca, un socialista doc che da sempre segue il segretario nazionale del PSI Enzo Maraio.

Lo abbiamo avvicinato per avere direttamente da lui, giovane imprenditore residente nelle frazioni alte di Salerno, delucidazioni sul perché della scelta della sua candidatura in funzione della sua utilità per il bene della comunità che intende rappresentare nei prossimi cinque anni:

Candidarmi? SI e’ quello che ho fatto, nonostante i dubbi su questa nuova avventura, voluta con molto stupore da coloro che in questi anni di comitato di quartiere,  mi hanno visto battagliare in prima linea, con senso civico, ma soprattutto con grande impegno, quasi come se fossi il capo famiglia, cercando di essere onesto con chi mi circonda e con tutte le persone che nello scetticismo, dovuto dalle continue passerelle di politici che si sono alternati con promesse , progetti biblici mai avverati, e che hanno tralasciato la cosa più’ importante, ovvero la dignità’ di tante famiglie che chiedono di vivere in una città’  funzionale e non più’  scarna di controlli e di servizi.

L’obiettivo e’ rendere  i cittadini interlocutori attivi e non più portatori passivi di insofferenza e di rassegnazione, SENSAZIONI FRUSTRANTI che dovranno far parte del passato.

Il mio impegno per questa città’, che può’ e deve crescere ancora tanto, mi vedrà’  sempre nelle strade a monitorare l’operato delle ditte in convenzione con il Comune, verbalizzando e denunciando i disservizi , in modo  da ricostruire l’ascolto, la celerità’  nelle risoluzioni di tutte le problematiche , migliorando l’empatia, con la consapevolezza che collaborando tutti insieme, si possa voltare pagina.

M’ impegnerò a raccogliere i pareri di tutti, rispettandoli, fortificandoli, tenendo conto delle debolezze e del senso di fragilità’ di noi cittadini, stanchi di questo scenario.

Il mio slogan #un cittadino … non un politico,  e’ ciò che sono e tale rimarrò’, perché’ vengo dall’ Università’ della Strada, quell’Università’ che prima insegna la pratica e poi la teoria.

Il CLIENTELISMO DELLE FRITTURE , fino ad oggi, ha portato solo a ri-tappezzare le poltrone usurate, proprio perché’ non ci si riesce di farli scendere in strada a lavorare per la città’ e non più per i propri interessi, ma per la comunita’, unico vangelo da oggi in avanti.

Per questo chiedo il vostro supporto, proprio perche’ l’impegno profuso fino ad ora, facilmente verificabile , mi ha dato credibilità’ e soprattutto autostima, nel poter incidere esponenzialmente , verso una Salerno sicura e funzionale. Ora tocca a te ……..!

 

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.