il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Giorgio Faletti: la morte improvvisa dell’attore ha sconvolto il Paese

 

di Noemi Giulia Sellitto

All’età di 63 anni, se ne è andato via un vero artista, amato dal popolo e stimato dai colleghi tutti. Il 4 luglio a Torino, infatti, l’attore, scrittore e comico italiano Giorgio Faletti è morto, distrutto da un tumore. Da poco aveva avuto notizia della sua malattia ed era stato ricoverato dapprima a Los Angeles e, poi, a Torino, per combatterla. A causa delle gravi condizioni in cui versava, l’attore era stato costretto ad annullare anche una tournèe teatrale, seppur di breve durata.

Nato ad Asti il 25 novembre del 1950, Faletti, pur avendo conseguito una laurea in giurisprudenza, decide di debuttare al Derby di Milano negli anni ’70, facendosi conoscere come cabarettista. Inizia, così, la sua carriera nel mondo dello spettacolo: nel 1983 prende parte a Pronto Raffaella, accanto a Raffaella Carrà. Nel 1985, l’attore recita nel programma Drive in di Antonio Ricci, dove ha modo di mostrare agli spettatori le sue grandi qualità. Tra i tanti episodi chiave della sua vita, di certo va ricordata la sua partecipazione al Festival di Sanremo nel 1994 con la canzone Signor Tenente, dove si classifica al secondo posto e riceve il Premio della critica. Nel 2002 Faletti mostra al Paese le sue abilità nella scrittura, pubblicando il thriller Io uccido, campione d’incassi e grande sorpresa editoriale. Nel 2006 torna a rivestire i panni dell’attore, recitando nel ruolo de “la carogna”, ovvero del prof. Martinelli, nel film Notte prima degli esami, diretto da Fausto Brizzi. Questa interpretazione gli consente di vincere il David di Donatello come miglior attore non protagonista. Nel 2009 ottiene una parte in Baarìa di Giuseppe Tornatore e, nel contempo, continua ad impegnarsi nell’universo della scrittura. Si dedica, inoltre, alla stesura di brani per Fiordaliso, Marco Masini e Angelo Branduardi: una vita artistica a 360 gradi, dunque.

I funerali sono stati celebrati ad Asti nella Chiesa Collegiata di San Secondo, dove, attorno a lui e alla sua famiglia, con la presenza costante della moglie Roberta, si sono riunite anche numerose celebrità, colpite e affrante dalla sua prematura scomparsa.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.