il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Consulenti Lavoro: terzo modulo di formazione … tra clima festoso e la rampogna del presidente

Maddalena Mascolo

SALERNO – Non è stata certamente una semplice rimpatriata per gli auguri nell’ imminenza delle festività natalizie, è stato anche un appuntamento importante nel corso del quale il presidente dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro della provincia di Salerno, cav. Alberico Capaldo, ha stigmatizzato con forza l’innegabile successo registrato dal 1° e 2° ciclo di eventi di alta formazione professionale nel corso di tutto l’anno solare 2014 (il 2° ciclo si concluderà nel 2015 con ulteriori due appuntamenti nel mese di gennaio), un successo che richiederà comunque un maggiore impegno di partecipazione, attenta e professionale, di tutti i consulenti del lavoro. Al fine di rendere più credibili i vari moduli dei cicli verranno apportate delle leggere modifiche, a partire dal prossimo modulo del 20 gennaio 2015, nella rilevazione delle presenze in entrata e in uscita dei singoli professionisti impegnati nella formazione che dà, comunque, diritto a specifici crediti. Nell’appuntamento di giovedì 18 dicembre 2014, tenutosi nei saloni del Mediterranea Hotel, sono stati affrontati tre argomenti molto delicati: “Le novità in materia di appalti” (relatore avv. Giovanni Ambrosio); “Il recupero dei crediti verso la P.A.” (relatore avv. Filomena Foccillo – prof.ssa a contrato di diritto del Lavoro Università Salerno) e la “Negoziazione assistita” (relatore avv. Roberto Tempesta – consulente del lavoro). La lunga relazione dell’avv. Giovanni Ambrosio ha appassionato la larga platea di consulenti del lavoro presenti ed anche gli altri relatori seduti al tavolo del convegno. Non sono mancati, comunque, gli interventi mirati e costruttivi da parte dei singoli consulenti, sempre attenti e pronti ad intervenire su aspetti concreti della farraginosa ma appassionante materia del lavoro. Tutto il convegno si è mantenuto su un livello alto di interesse anche se come fosse stato quasi sospeso nell’attesa di qualcosa di più certo dopo la “storica” approvazione del “jobs act” del 15 dicembre scorso, una legge delega che secondo Matteo Renzi dovrebbe cambiare la storia d’Italia per il mondo del lavoro. C’era molta incertezza nell’aria, e c’è molta incertezza anche nel Paese, perché quando si parla di legge delega si è costretti ad aspettare tutti i vari decreti attuativi per la pratica operatività del famoso “spirito del legislatore” che, almeno dagli annunci, dovrebbe sicuramente determinare una svolta nelle assunzioni, nei licenziamenti, nella mobilità, nelle paghe; insomma i diritti dei lavoratori e i doveri dei datori (e al contrario) dovrebbero subire una svolta radicale e tale da smuovere fin dalle fondamenta l’impalcatura che dal secondo dopoguerra ad oggi ha retto le sorti del mondo del lavoro, dei lavoratori e degli stessi imprenditori (datori di lavoro). Bisognerà aspettare, dunque, per saperne di più nell’attesa del prossimo modulo del 2° ciclo di eventi di alta formazione professionale che si terrà sempre presso il Mediterranea Hotel il giorno 20 gennaio 2015. In quella occasione l’avvocato Giovanni Ambrosio tratterà “Il trasferimento d’azienda”, l’avvocato Pasquale Visconti affronterà la “Sospensione degli obblighi occupazionali dei disabili” e l’avv. Prof. Lorenzo Ioele (docente di diritto del lavoro presso l’università di Salerno) concluderà con “I contratti di solidarietà”. Come sempre i lavori saranno coordinati  dal prof. avv. Armando Lamberti (ordinario di diritto costituzionale presso l’università di Salerno), mentre la segreteria organizzativa sarà curata direttamente dall’Ordine e saranno attribuiti n. 4 crediti ai singoli consulenti partecipanti. Alla fine dell’importante e impegnativo appuntamento ha ripreso la parola il presidente dell’Ordine dei Consulenti, cav. Alberico Capaldo, per augurare a tutti un Buon Natale ed un Felice Anno Nuovo come nel più classico dei messaggi augurali.

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.