il Quotidiano di Salerno

direttore: Aldo Bianchini

Diritto di cronaca e rispetto della privacy

Pietro Cusati

Il Garante per la privacy , con un recente provvedimento ,ha richiamato  i mezzi d’informazione di tenere  il massimo rispetto non solo delle regole deontologiche che impongono ai media di tutelare sempre la dignità della persona e in particolare del malato,ma anche delle regole giuridiche che vietano la pubblicazione di referti o di documentazione sanitaria.  I dati cosiddetti sensibili  che tutelano in particolare  i soggetti deboli i quali  non sono  in condizioni di  potersi difendere dall’invadenza di cronisti e fotoreporter. Giusto,quindi, che questi soggetti  siano protetti. Il garante  per la privacy ha ricordato  anche  che la legge tutela  la dignità  delle persone decedute,i cui diritti possono essere fatti valere da chiunque vi abbia interesse.I l diritto di informazione,garantito dalla nostra costituzione, ha il suo fondamento nella libertà di manifestazione del pensiero,nella libertà di comunicazione ma occorre anche dire che libertà di comunicazione,diritto di sapere devono sempre e comunque rispettare la dignità della persona,contemplato dall’art. 2 del decreto legislativo 30 giugno 2003,n. 196,codice della privacy. La dignità umana è inviolabile. Essa deve essere rispettata e tutelata,contempla la carta europea dei diritti. La dignità è divenuta il parametro per la valutazione della liceità del trattamento dei dati personali in ambito giornalistico anche grazie al codice deontologico del 1998 che ha come finalità di contemperare i diritti fondamentali della persona con il diritto dei cittadini all’informazione e con la libertà di stampa. I giornalisti,secondo l’art.10 del codice deontologico,nel far riferimento allo stato di salute di una determinata persona,identificata o identificabile,ne devono rispettare la dignità,il diritto alla riservatezza e al decoro personale,specie nei casi di malattie gravi o terminali,e si devono astenere dal pubblicare dati analitici di interesse strettamente clinico. La pubblicazione è ammessa nell’ambito del perseguimento dell’essenzialità dell’informazione e sempre nel rispetto della dignità della persona se questa riveste una posizione di particolare rilevanza sociale o pubblica. Infine,il garante per la protezione dei dati personali ha spesso sottolineato che la legge sulla privacy e il codice di deontologia non sono applicabili in caso di diffusione di informazioni

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.